ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA

News

Carne Bovina: filiera in difficoltà, la Regione interviene

Regione Lombardia vuole inserire la possibilità di destinare risorse a fondo perduto agli allevamenti di vitelli a carne bianca nella rimodulazione del Piano di Sviluppo Rurale, che il Pirellone sta presentando alla Comunitò Europea per iniziative legate alla crisi post-Covid. Un possibile strumento di sostegno ad un settore fra i più esposti alla crisi a causa della chiusura prolungata dei ristoranti: i prezzi sono crollati da 5,30 euro al Kg a 3 euro.

“Si tratta di un settore che produce carni di alta qualità e che è concentrato soprattutto nel Nord Italia – ha spiegato l’assessore regionale all’agricoltura Fabio Rolfi annunciando il provvedimento durante il tavolo di filiera riunito con le associazioni di categoria -. Il comparto dei vitelli a carne bianca conta 500.000 animali allevati in Italia, di cui oltre un terzo in Lombardia. Se non interveniamo subito rischiamo di perdere competitività causa anche invasione delle carni estere a prezzi competitivi. Già nel mese di maggio in Lombardia abbiamo registrato un allarmante aumento delle importazioni. Dai 17,7 milioni di Kg totali di carne di aprile siamo arrivati a 18,7 milioni di maggio. Su questi dati pesa soprattutto la carne bovina che, tra fresca, refrigerata e surgelata, è passata dai 6,2 milioni di Kg a 7 milioni. Una botta per i nostri allevatori”.

L’obiettivo è quello di uscire con questa misura a settembre e concedere le risorse agli allevatori entro fine anno in modo tale che possano avere il ristoro parziale dei danni in pochi mesi.